luglio 24, 2006

Stati del mondo: 42. Repubblica del Congo.

B. 41: Comore ↔ 43: Rep. Dem. del Congo


• Confini: a N con il Camerun e la Repubblica Centrafricana, a E e a S con la Repubblica Democratica del Congo, a SW con l”Angola, a W con il Gabon. Si affaccia a SW all’Oceano Atlantico. Il clima è caldo e umido.
• Il territorio ha una superficie di 342.000 kmq e una popolazione di 2.591.271 abitanti censiti nel 1996 e di 3.733.548 stimati nel 2008 con una densità di 11 ab./kmq. La capitale Brazzaville conta 1.308.700 abitanti nel 20078.
- Centre National de la Statistique et des Ètudes Èconomiques.

Vers. 1.0/21.3.10

1. Parametri principali. – Già parte dell’Africa Equatoriale Francese, il Congo diventa indipendente il 15 agosto 1960. È stata approvata nel 2002 una nuova costituzione che prevede l’elezione diretta del presidente, che rimane in carica per sette anni, e un parlamento bicamerale. Il paese resta fortemente dipendente dal prezzo del petrolio, principale fonte di entrate. Sono stati stretti intensi legami con la Cina, in particolare nel settore delle materie prime. Dopo la manioca i principali prodotti agricoli sono quelli di piantagione: arachidi, ananas, canna da zuccero, banane. Dalle foreste si ricavano legnami pregiati e da costruzione, noci, olio di palma e caucciù.

Torna al Sommario.


Parte Seconda.
Eventi e dinamica politica.

Top.

luglio 14, 2006

Stati del mondo: 85. Iraq

B. S. 84: Iran ↔ 86: Irlanda
Stati del Mondo.
• Confini: a N con la Turchia, a NE e a E con l’Iran, a SE con il Kuwait, a SW con l’Arabia Saudita, a W con la Giordania e la Siria. Si affaccia a SE al Golfo Arabico.
• L’Iraq ha una superficie di 434.128 kmq e una popolazione di 22.046.244 abitanti censiti nel 1997 e di 30.747.000 stimati nel 2009 con una densità di 71 ab./kmq. La capitale Baghdad conta 6.194.768 abitanti nel 2007, che diventano 7.145.47o con l’agglomerato urbano.
• Il nucleo principale del territorio corrisponde alla Mesopotamia, regione tra il Tigri e l’Eufrate. I Monti Zagros segnano il confine con l’Iran. La zona che si affaccia al Golfo Arabico è fra le più calde della terra.

B.S.T. Google map.
Iraq.
• L’Iraq è membro di Lega Araba, OCI, ONU, OPEC, osservatore OCS, osservatore WTO.
• Repubblica federale parlamentare. Nel 2003 è entrata in carica la Coalition Provisional Authority (CPA), nominata dal governo degli USA. Nel 2004 la CPA è stata sostituita dalle istituzioni previste dalla Costituzione provvisoria e l’Iraq, formalmente è tornato a essere uno stato indipendente e sovrano. Le elezioni del 2005 hanno dato vita all’Assemblea nazionale col compito di preparare una nuova Costituzione. Approvata con referendum il 15-X-2005 essa istituisce uno stato parlamentare federale.
• Etnie: così ripartite nel 2000 arabi (65%), Curdi (23%), Azeri (5,6%), altri (6,4%).
• Lingue: arabo (ufficiale), curdo (ufficiale).
• Religioni: nel 2010 musulmani sciiti (62,5%), musulmani sunniti (34,5%), altri (3%).

Treccani.
• Links ufficiali, istituzionali, utili:
– Central Statistical Organization: www.cosit.gov.iq/en




B.Top. Vers. 1.1 / 18.11.2017
Viaggiatori.net  Wikipedia.it
Sommario: Parte Prima:  1. Attualità geopolitica. - 2. I principali parametri. - 3. Note storiche. -  4. Popolazione. - 5. Ordinamento dello Stato e forma di governo. - 6. Religione. - 7. Economia. - 8. Agricoltura. - 9. Allevamento e pesca. -  10. Industria. - 11. Risorse minerarie. - 12. Commercio. - 13. Turismo. - 14. Strade e comunicazioni. -   15. Difesa. - 16. Lingua. - 17. Letteratura. - 18. Arte. - 19. Filosofia. - 20. Istruzione. - 21. Giustizia.  - 22. Sanità. - 23. Geografia. - 24. Cartografia. -  25. Divisione amministrativa. - 26. Ordinamento politico e partiti politici. - 27. Carte costituzionali e leggi fondamentali. - 28. Diritto. – Parte Seconda:  i. /// 1. Parametri principali. – 2. Note storiche. – 3. Economia. – 4. Difesa. – 5. Giustizia. – 6. Popolazione. – 7. Bilancio del mese di marzo 2010: 367 persone uccise. – 8. Crimini americani destinati a restare impuniti. – 9. La continua maledizione dell’Iraq. – 10. Il ruolo dei cristiano-sionisti nell’Iraq curdo. – 11. Le vere ragioni della guerra: la secessione del Curdistan iracheno. – 12. La distruzione di una civiltà. –

B. T. S. -
1. Attualità geopolitica. –  «La controffensiva dell’esercito, lanciata nel marzo del 2015 e appoggiata dalla coalizione guidata dagli USA, è proseguita dall’ottobre 2016 con obiettivo Mosul, in mano ai miliziani sunniti dello “Stato islamico” dal giugno 2014, la cui riconquista è stata annunciata il 9-VII-2017.

La situazione politica rimane fragile: continuano le proteste contro la corruzione e la spartizione delle cariche secondo quote partitiche e confessionali, cominciate nell’agosto 2015 e fomentate in particolare dal leader sciita Muqtadā aṣ-Ṣadr, i cui sostenitori hanno organizzato numerose manifestazioni. I tentativi di riforma del Primo Ministro al-’Ibādī sono ostacolati dalle resistenze dei partiti a modificare il delicato equilibrio politico e dall’intreccio di interessi contrastanti dei vari gruppi di pressione.» (DeA).

2. Parametri principali. – Le elezioni del 31 gennaio 2005 hanno dato vita all’Assemblea nazionale (275 membri eletti a suffragio universale) col compito di preparare una nuova Costituzione. Approvata con referendum il 15 dicembre 2005 essa prefigura uno Stato parlamentare federale. Il Presidente della Repubblica è eletto con la maggioranza dei due terzi del Parlamento, formato da 275 membri eletti a suffragio universale. Notevole autonomia è stata concessa akke 18 province, che potranno formare macroregioni con poteri ancora più ampi; già riconosciuta è la regione autonoma curda formata dalle province settentrionali. La pena di morte è stata reintrodotta nel 2004. La forza multinazionale al 30 giugno 2009 conta circa 140.000 effettivi, a cui si affiancano numerosi membri di agenzie di sicurezza private (contractors). Alla stessa data e a partire dall’inizio della guerra il conteggio delle perdite tra i militari del contingente internazionale era di circa 4600 morti (4300 statunitensi). Molto più elevato il numero di vittime tra la popolazione civile e le forze di sicurezza irachene (circa 45.000 morti dall’invasione al 30 giugno 2009). I curdi, che hanno ottenuto un’ampia autonomia, proseguono verso un’indipendenza de facto che suscita inquietudine nel resto del paese. Inoltre, il sostegno che offrono ai ribelli attivi oltre il confine turco, determina scontri armati con la Turchia, che teme il formarsi di un’entità autonoma curda.

Torna al Sommario.

2. Note storiche. – Già parte dell’Impero ottomano, amministrato dal 1920 dal Regno Unito su mandato della Società delle Nazioni, l’Iraq è diventato una monarchia indipendente nel 1932 e una Repubblica il 14 luglio 1958, in seguito al colpo di stato del gen. Karim Kassem. Il partito nazionalista Baath (appoggiato dai sunniti) ha preso il potere con un nuovo colpo di stato nel 1968. Eletto Presidente il 16 luglio 1979, il generale Saddam Hussein ha in seguito dato vita a un regime dittatoriale. Nel settembre 1980 l’Iraq ha dichiarato guerra all’Iran con l’obiettivo di conquistare la riva sinistra dello Shatt al-Arab; la guerra è terminata nel 1988 senza acquisizioni territoriali, ma con un carico pesantissimo di vittime e danni materiali. Il 2 agosto 1990 le truppe irachene invasero il Kuweit, ma sono state in seguito sconfitte (26 febbraio 1991) dagli Usa che associarono un’ampia coalizione internazionale per dare maggiore legittimazione al loro intervento, secondo un costume che manterranno anche in seguito. Dopo il ritiro dal Kuweit, il paese ha subito un forte degrado economico per l’embargo formalmente imposto dall’ONU. La crisi è precipitata dopo gli attentati dell’11 settembre 2001 che l’amministrazione USA ha voluto collegare all’Iraq. Il 20 marzo 2003 gli USA e il Regno Unito, nonostante il parere contrario degli altri membri del Consiglio di sicurezza dell’ONU (Francia, Cina e Fed. Russa), hanno dato avvio all’invasione del paese. La guerra è durata meno di un mese poiché l’avanzata ha incontrato sul campo ben poca resistenza. Quasi subito, però, si sono moltiplicati gli attentati e le azioni contro le truppe di occupazione e la situazione ha assunto le caratteristiche di una guerra civile. Il 12 maggio 2003 è entrata in carica la Coalition Provisional Authority (CPA), nominata dal governo degli USA, e il territorio è stato diviso in tre settori operativi posti sotto il controllo dei comandi militari polacco (al nord), britannico (al sud) e statunitense (al centro e nella capitale). Hanno inviato contingenti di truppe una trentina di altri paesi, tra cui la Spagna (fino al maggio 2004), i Paesi Bassi (fino al maggio 2005), l’Ucraina (fino al dicembre 2005), il Giappone (fino al luglio 2006), l’Italia (fino al dicembre 2006), la Corea del Sud (fino al dicembre 2008). Il 28 giugno 2004 la CPA è stata sostituita dalle istituzioni previste dalla Costituzione provvisoria adottata dall’ONU l’8 giugno 2004 (risoluzione 1546) e l’Iraq, formalmente, è tornato a essere uno stato indipendente e sovrano.

Torna al Sommario.

3. Economia. – Le coltivazioni più importanti sono quelle di frumento e di orzo nelle regioni settentrionali. Altra produzione importante è quella del riso. Di rilievo è la produzione di datteri nella bassa Mesopotamia. L’allevamento è in diminuzione. Il paese è molto ricco di petrolio: secondo le stime, oltre un decimo delle riserve mondiali. Ed è questa la più probabile e convincente spiegazione dell’invasione militare, motivato ipocritamente e sulla base di menzogne acclarate come quella dei presunti armamenti atomici, mai scoperti. Il petrolio viene trasportato con oleodotti ai terminali sul Mediterraneo: ad Haifa (da tempo fuori servizio), Tripoli, Banias (Siria) e Dörtyol (Turchia). Altre industrie sono quelle tessili, saccariferem cartarie e del cemento. L’artigianato è molto diffuso: tessitura, concia, lavorazione dell‘argento, del rame e del ferro.

Torna al Sommario.

4. Difesa. – Il paese si trova in regime di occupazione e lo stato sovrano creato dopo la disfatta deve ancora dimostrare la sua reale autonomia e indipendenza. In genere, simili regimi hanno sovranità limitata e la cosiddetta democrazia elettorale forma un ceto politico privilegiato, il cui compito è di mantenere il paese e il popolo in un regime di soggezione più o meno gradita e nella totale spolicizzazione dei suoi cittadini. Tuttavia, non sono da escludere sorprese. Non necessariamente i popoli musulmani hanno la stessa propensione a quella “cupidigia di servilismo” che ha caratterizzato la storia italiana ed europea del dopoguerra.

Torna al Sommario.

5. Giustizia. – Il sistema giudiziario imposto è stato modellato sulla Common Law britannica, modificata sulla base di consuetudini locali. Non è accettata la giurisdizione della Corte internazionale di giustizia, come già negli USA, che escludono categoricamente che i suoi militari possano comparire davanti a simili corti per crimini di guerra. Sarebbe stato ben strano che il regime fantoccio creato in Iraq si regolasse diversamente e magari esercitasse una giurisdizione universale proprio in Iraq, accusando i militari americani o inglesi. Non è in vigore la pena di morte, ma l’Iraq “democratico” è nato proprio mettendo a morte Saddam Hussein, che deteneva il governo legittimo del paese fino al momento della sua disfatta bellica. Mutatis mutandis, è ipotizzabile che la stessa sorte dovrebbe toccare ai governanti iracheni di oggi.

Torna al Sommario.

6. Popolazione. – Gruppi etnici sono costituiti da arabi per il 65%, da curdi per il 23%, da azeri per il 5,6%, altri per il 6,4%. La lingua è l’arabo e il curdo, ufficiali, ma si parla anche neo-aramaico e turkmeno. Gli sciiti sono il 62,5%, i sunniti il 34,5%, altri il 3%. Il tasso di fecondità è il 4,1%.

7. Bilancio del mese di marzo 2010: 367 persone uccise. – Malgrado il trionfalismo della propaganda mediatica, la situazione a sette anni dalla guerra di Bush e di Blair non è affatto migliorata. La statistica mensile dei morti ammazzati è una routine e per questo mese corrente le agenzie riportano 367 persone uccise, dove i civili sono sempre la maggioranza. Nel mese precedente, febbraio 2010, i morti erano stati 352. I nudi dati non rendono tuttavia conto di una situazione, la cui intelligenza sfugge ai più. Ed il mese di aprile si annuncia con una notizia non meno eloquente:
«(AGI) - Baghdad, 1 apr. - Il vice direttore generale del ministero della Salute iracheno è stato ucciso a Baghdad insieme a moglie e figlia in due distinti episodi. Le due donne sono state anche torturate. Lo ha riferito in ministero. Mohammed Jalab Ahmed è stato giustiziato dentro casa da un commando di uomini armati nel sobborgo di Salikh, a nord della capitale. In un’altra zona della città, nel distretto di Bassateen, sono stati trovati i cadaveri della moglie e della figlia, uccise a colpi d’arma da fuoco» (Fonte).
La notizia dice: “giustiziato” ed alla stessa sorte sono stati condannati moglie e figlia del “giustiziato”. Tanta crudeltà suona ben strana, se portando la guerra l’Occidente avrebbe dovuto esportare una civiltà ed un’umanità che conosce assai poco e che avrebbe bisogno di instaurare innanzitutto in casa propria. Quale guerra Bush e Blair abbiano vinto è cosa ardua da capire, se mai qualcuno ci riesce.

Torna al Sommario.

8. Crimini americani destinati a restare impuniti. – L’articolo offre notizie interessanti che non si trovano nei nostri giornali e nelle nostre televisioni. In pratica, i vari tribunali internazionali che pretendono di poter giudicare stati sovrani che hanno dalla loro la forza delle armi stanno dimostrando la loro inanità. Gli unici tribunali del genere che hanno finora funzionato sono i tribunali dei vincitori che giudicano i vinti. Con le loro armi gli americano hanno prodotto in Iraq e in tutti i luoghi dove hanno combattuto o sono stati presenti disastri ambientali e alterazioni biologiche come conseguenza del nuovo tipo di armi, sempre più sofisticate e mai viste e sperimentate prima. Da Hiroshima in poi è stato un susseguirsi di orrori che però non vengono mai dichiarati tali.

9. La continua maledizione dell’Iraq. – «Ormai nessuno più sostiene che la guerra siata stata scatenata sulla base di motivazioni in tutto o in parte reali. Gli osservatori e gli storici dell’Iraq sanno che le accuse sulle armi di distruzione di massa erano state fabbricate ad arte ai più alti livelli, e che i paesi invasori erano consapevoli che l’Iraq non aveva alcun legame con il terrorismo internazionale. I pretesti a giustificazione della guerra erano chiaramente una bugia fin dall’inizio. Tuttavia i documenti sull’Iraq rivelano che la menzogna non si limitava alle ragioni della guerra ed alla fabbricazione di falsi pretesti. Gli occupanti hanno continuato a mentire durante tutti gli anni seguenti, fino ad oggi. Non appena emerse la verità sulle accuse relative alle armi di distruzione di massa, la macchina della propaganda di guerra sulle due sponde dell’Atlantico ha cominciato a inventare una nuova giustificazione per il conflitto, ed a convincere l’opinione pubblica mondiale, e addirittura gli stessi iracheni, della sua realtà: la guerra era stata iniziata per ragioni etiche; George W. Bush, Tony Blair ed i loro alleati di minore importanza, come la Spagna, la Polonia e l’Australia, si erano caricati sulle loro spalle il compito di liberare l’Iraq dalla dittatura, e di creare un fiorente sistema democratico nel nuovo Iraq. Quello che affermano i documenti iracheni è che anche questa seconda giustificazione – che Tony Blair ha continuato a sostenere ancora pochi mesi fa nel suo libro di memorie – era a sua volta una menzogna. Sotto la bandiera del preteso progetto di democratizzazione, l’Iraq si è trasformato fin dai primi mesi dell’occupazione in una carneficina quotidiana, nel vero senso della parola. Una carneficina a cui hanno preso parte le forze di occupazione, le forze di sicurezza e l’esercito del nuovo Iraq, e le milizie terroristiche che hanno sconvolto il paese. E la cosa sconcertante è che la macchina dei massacri è ancora in funzione – forse ad un ritmo inferiore, e con differenti responsabilità delle parti coinvolte, ma in ogni caso essa è ancora in azione. Ora sappiamo che la pretesa delle forze occupanti – in tutti questi sette anni – secondo cui esse non avevano statistiche delle vittime, era anch’essa una bugia. I rapporti americani hanno sempre tenuto il conto del numero delle vittime irachene, sia di coloro che hanno ucciso ai posti di blocco dell’esercito americano, sia dei morti caduti durante gli attacchi militari americani (i quali non sempre si sono preoccupati di proteggere la vita degli iracheni), sia delle vittime del nuovo stato iracheno e delle esplosioni provocate dalle milizie e dai gruppi terroristici. Sebbene il numero delle vittime fornito da questi documenti sia di molto inferiore alle valutazioni degli iracheni stessi o di organizzazioni civili di monitoraggio del conflitto, questo numero resta senza dubbio spaventoso, e costituisce una chiara indicazione dell’enormità del crimine commesso ai danni dell’Iraq e degli iracheni. Tuttavia il progetto del nuovo Iraq si è fondato su una menzogna di altro tipo, non meno grave e devastante per il futuro dell’Iraq e del suo popolo. Le forze di occupazione erano consapevoli fin dall’inizio che esse non stavano contribuendo a creare uno stato iracheno democratico, né sul piano dei nuovi governanti né sul piano delle istituzioni del nuovo stato. Fin dall’inizio le forze di occupazione fecero finta di non vedere il diffondersi della corruzione, delle detenzioni illegali, delle torture e delle uccisioni perpetrate dalle forze di sicurezza e dalle unità dell’esercito iracheno alla cui creazione ed al cui addestramento esse avevano presieduto...Sappiamo con certezza che gli imperi non si fondano solo sulla violenza, ma anche sulla menzogna. Tutti gli imperi mentono, e ambiscono a custodire le proprie menzogne. Quando gli inglesi occuparono l’Iraq per la prima volta verso la fine della prima guerra mondiale, sostennero anch’essi che erano venuti per liberare gli iracheni dalla “tirannia ottomana”. I problemi degli imperi non cominciano quando essi iniziano a mentire. I problemi degli imperi cominciano quando non sono più in grado di impedire che le loro menzogne vengano svelate». (vedi articolo integrale nel link).

10. Il ruolo dei cristiano-sionisti nell’Iraq curdo. – Nell’articolo cui si accede cliccando sul titolo si ha una chiara sintesi della funzione destabilizzante e disgregatrice della società irachena e curda. L’Iraq è già virtualmente smembrato in tre parti. Il Curdistan gode della particolare attenzione di Israele, che negli evangelici ha come suoi propri agenti. Nell’attuale confusione quando si parla di cristiani in Medio Oriente diventa essenziale capire ogni volta se si tratta di evangelici o delle antiche comunità cristiane che hanno sempre avuto relazioni pacifiche con i mussulmani. L’interesse strategico per Israele di poter disporre di una base nel Curdistan turco ed iracheno balza subito agli occhi osservando la una carta politico-geografica del Medio Oriente. Per una disamina del quadro generale si rinvia a questo link, dove emerge come l’esodo dei cristiani non sia dovuto ad una intolleranza musulmana ma sia invece il prodotto della guerra e dell’invasione neocoloniale.

11. Le vere ragioni della guerra: la secessione del Curdistan iracheno. – È dallo smembramento dell’Impero ottomano che il Vicino Oriente non ha pace. Interessi stranieri determinano la nascita e la morte non solo dei governi, ma degli stati, la cui geografia viene dettata dall’esterno, dando in pasto ai media brodaglie ideologiche che fanno sempre meno presa in un modo forse più acculturato o per lo meno più informato. La notizia di un Curdistan indipendente, pronto ad allearsi con Israele, era di quelle attese e adesso vengono fatte dichiarazioni ufficiali. Sempre uni dei momenti di un percorso già deciso da tempo. Si tratta di vedere se le cose andranno come programmate o se il diavolo ci metterà la coda. Capita spesso. Infine, da notare il giubile della fonte sionista da cui è attinta la notizia.

12. La distruzione di una civiltà. – Il link immette in un articolo di James Petras, che riassumiamo. La guerra statunitense contro l’Iraq dura da sette anni. Diversi sono gli interessi che hanno spinto alla guerra, ma da soli non bastano a spiegare la distruzione di un’intera società. La forza di distruzione prevalente, non abbastanza considerata, è stata ed è il sionismo, la cui responsabilità è totale e capillare. I sionisti «hanno apertamente dichiarato come loro priorità assoluta il portare avanti l’agenda di Israele, che, in questo caso, era una guerra degli Usa contro l’Iraq per rovesciare Saddam Hussein, occupare il paese, dividere fisicamente l’Iraq, distruggere la sua capacità militare e industriale ed imporre un regime fantoccio pro-Israele/Usa». Il “precedente” di Sabra e Shatila non è stato un caso disgraziato, ma il teorema di una precisa e costante strategia del modo israeliano di fare la guerra. Esiste anche un convergente interesse imperiale americano in funzione antirussa e anticinese. Nel testo di Petras si trova un’osservazione già presente in Mearheimer e Walt: le compagnie petrolifere americane avevano interesse a stipulare contratti anche con Saddam, non alla distruzione dell’Iraq ed all’instabilità permanente in tutta la regione. Di fronte all’opposizione irachena gli invasori hanno elaborato una strategia costante del “divide et impera”. «Lo smantellamento della burocrazia civile e militare è stata progettata dai sionisti dell’amministrazione Bush per consolidare il potere di Israele nella regione e per favorire il sorgere di gruppi islamici militanti, che erano stati repressi dal deposto regime baathista di Saddam Hussein. Israele aveva già padroneggiato questo tipo di strategia in quanto sponsorizzò e finanziò gruppi militanti islamici settari, come Hamas, in opposizione alla laica Organizzazione per la Liberazione della Palestina e preparò il terreno per la lotta settaria tra i palestinesi».

Top.

Stati del mondo: 54. Egitto

B.S. 53: Ecuador ↔ 55: El Salvador
• Confini: a NE con Israele, a S con il Sudan, a W con la Libia: è bagnato a N dal Mar Mediterraneo e a E dal Mar Rosso.
• Il territorio ha una superficie di 1.001.449 kmq e una popolazione di 72.798.031 abitanti censiti nel 2006 e di 75.700.000 stimati nel 2008 con una densità di 76 ab./kmq. La capitale Il Cairo conta 6.758.581 abitanti nel 20076 con l’agglomerato urbano la Grande Cairo arriva a 11.894.000 ab. nel 2007. Ingenti sono i flussi migratori, diretti soprattutto verso i paesi petroliferi arabi e verso l’Europa. I copti rappresentano la comunità cristiana più numerosa del mondo arabo.
• L’area coltivata e abitata coincide con la valle del Nilo, di cui l’Egitto comprende il tratto a N della seconda cateratta: la valle e la zona del delta coprono una parte esigua del territorio, per il resto desertico. L’estremo lembo orientale è costituito dalla penisola del Sinai tra i golfi di Suez e l'Aqaba. Il clima è desertico con temperature elevate.

  B. S. T. Gmap.
Egitto. Wmap.
• L'Egitto è associato di UE, COMESA, EBRD, Lega Araba, OCI, ONU, osservatore OAS, UA, WTO.
• Repubblica presidenziale. Ex protettorato britannico, l’Egitto divenne una monarchia formalmente indipendente il 18-II-1922. Il 18-VI-1953 fu proclamata la repubblica e nel 1954 il potere fu assunto dal col. Gamāl ‘Abd an-Nāṣir (Nasser). Secondo la Costituzione approvata con il referendum del 14/15-I-2014, il Presidente, che detiene il potere esecutivo, è eletto a suffragio diretto, ha un mandato di 4 anni ed è rieleggibile una volta sola. Il Parlamento è monocamerale: la Camera dei Rappresentanti è formata da almeno 450 membri, eletti con mandato di 5 anni, il 5% dei quali può essere nominato direttamente dal Presidente.
• Etnie: così ripartite nel 2006 Egiziani (99,6%), altri (0,4%).
• Lingue: ebraico (ufficiale) arabo (ufficiale).
• Religioni: nel 2000 musulmani sunniti (89%), ortodossi copti (10%).
• Links ufficiali, istituzionali, utili:
– Central Agency for Public Mobilization and Statistics: www.capmas.gov.eg
 
Treccani.
«La storia egiziana è strettamente legata a quella degli altri Stati arabi del Medio Oriente. Sostenitore del panarabismo, l’Egitto ha assunto fin dal XIX secolo il ruolo di guida dei Paesi di tradizione islamica nella lotta contro il dominio ottomano. Dopo essere stato occupato nel 1881 dalla Gran Bretagna, l’Egitto divenne indipendente nel 1922 seppur con fortissime influenze inglesi. Nel 1953, dopo un colpo di stato, è stata proclamata la repubblica. I colori e il simbolo. I colori adottati nella bandiera nazionale sono comuni a molti altri Paesi arabi e rappresentano la rivoluzione e il sacrificio dei popoli per la libertà (il rosso), le speranze nel futuro (il bianco), gli anni di dominio straniero (il nero). L’aquila rappresentata al centro della bandiera è l’emblema di Saladino, il sultano che nel XII secolo si oppose con successo ai Crociati.» (DeAw)– 

  B.T.Gmap. Vs. 1.6/12.12.17
Viaggiatori.net  Wikipedia.it/img
Sommario: Parte Prima: Strutture.  1. Attualità geopolitica. - 2. I principali parametri. - 3. Note storiche. -  4. Popolazione. - 5. Ordinamento dello Stato e forme di governo. - 6. Partiti e movimenti politici. - 7. Religione. -  8. Divisione amministrativa. – 9. Diritto. – 10. Costituzione vigente. - 11. Giustizia. – 12. Sanità. -  13. Difesa. - 14. Economia. - 15. Agricoltura. Flora. Fauna. - 16. Allevamento e pesca. -  17. Industria. - 18. Risorse minerarie. - 19. Commercio. - 20. Turismo. - 21. Strade e comunicazioni. - 22. Lingua. - 23. Letteratura. - 24. Arte. - 25. Filosofia. - 26. Istruzione. - 27. Geografia. - 28. Cartografia. - 29. Video You Tube. - 30. Guerre e conflitti.  – Parte Seconda: Eventi e dinamica politica.  i. - “Sinai, attacco troppo vicino a Gaza”. - ii. La vera guerra del Kippur: in contrario di ciò che ci hanno fatto credere. - iii. “Putin va a Cairo, mentre Trump si lega le mani”. iv. “La dichiarazione di vittoria di Putin in Siria apre la via agli attacchi russi in Libia". – Parte Terza: Letteratura. ///

1. Parametri principali. – 2. Note storiche. – 3. Economia. – 4. Difesa. – 5. Giustizia. – 6. Popolazione. – 7. Il trattato di pace con Israele. - 8. In vista delle elezioni del 2011. – 9. I confini con Israele e l’immigrazione clandestina. - 10. I timori dei sionisti nostrani come chiave di lettura degli eventi post-tunisini. – 11. Burattini e burattinai. – 12. Gli analisti della “pulizia etnica”. – 13. Una cronaca egiziana di Robert Fisk. – 14. «Ma quale rivoluzione d’Egitto?». Un’analisi di Alberto B. Mariantoni. – 15. L’Egitto sull’orlo del bagno di sangue. – 16. Il movimento del 6 aprile... 2008. – 17. Le squadre israeliane della morte. – 18. Il problema del Sinai. – 19. I Fratelli Musulmani e l’isteria che suscitano. - 20. Il sionista smentito dai fatti. – 21. Il punto di vista di Ilan Pappe. – 22. I limiti della spontaneità e il golpe militare. –

1. Attualità geopolitica. – «Nel 2016-17 l’arretramento delle posizioni dei gruppi armati integralisti in Iraq e Siria ha portato numerosi miliziani verso l’Egitto, che tentano di destabilizzare attraverso attacchi terroristici, in particolare nel Sinai e contro i cristiani copti.» (DeA).

• È di queste ore l'attentato, gravissimo, sul Sinai, e non riesco a farmene un'idea, o meglio, delle idee "preconcette" ne ho, ma sono appunto "preconcette". E queste mie sono note di diario, non un saggio di prosa scientifica. Giusto per vedere se ci indovino, alla luce dei fatti che potranno essere appurati dopo, e sulle quali rivedrò le mie opinioni, io penso schematicamente così: se l'attentato è di matrice Isis (tutto ciò che questo nome mi evoca, e penso al libro di Sensini), dietro l'Isis vi è Israele e gli Usa, in una parola e in un solo concetto: Usrael.
A volte, nelle migliori famiglie, si litiga. L'Egitto di Al Sisi mi pare abbia avuto una politica in sintonia con Israele e sia stata ostile ai palestinesi, che a Gaza stanno morendo dopo dieci anni anni di inaudito blocco e assedio, da due parti: Israele e Egitto, complici in questa infamia. Intanto però a questo link può essere utile leggere le coperture sioniste della prima notizia. Della Nirenstein non vi è assolutamente di che fidarsi. Si ricordi la sua falsa attribuzione agli islamici dell'attentato di Oslo, la cui matrice presunta islamica fu sconfessata in poche ore al punto da costringere il direttore del Giornale a ritirare dalla edicole la prima pagina a caratteri cubitali che qui riportiamo a fianco. Si noti, dal link sionista, l'unico particolare interessante: «Circa un decimo è sotto il controllo parziale del Wilaya Sinai, provincia egiziana del Califfato. E una striscia di territorio lungo il confine con Israele, che scende dai monti Eilat fmo alla pianura costiera attorno ad Al-Arish.» La zona nel Sinai, sotto controllo Isi, si trova al confine con Israele, da dove può ben esservi una osmosi, come già dalla alture del Golan. Certo, sono cose che non ci vengono a raccontare, ma opinare e sospettare per fortuna è ancora possibile, e poco reprimibile.

2. Parametri principali. – L’Egitto è una repubblica. In base alla costituzione dell’11 novembre 1971, più volte modificata (da ultimo il 26 marzo 2007), l’Egitto è una “Repubblica araba con un sistema democratico socialista”. Il presidente, che è anche titolare del potere esecutivo, è eletto a suffragio diretto tra più candidati di diversi partiti; ha un mandato di 6 anni ed è rieleggibile. Il parlamento è bicamerale: l’Assemblea del Popolo è formata attualmente da 454 membri, di cui 10 nominati dal presidente e 176 eletti con mandato di 5 anni (almeno il 50% dei deputati deve essere costituito da contadini e operai); il Consiglio consultivo è formato da 264 mmembri, di cui 176 elettivi, rinnovati per metà ogni 3 anni, con mandato di 6 anni. Attualmente, dopo la deposizione di Mubarak, è in carica un governo di transizione diretta dai militari. Tutto il mondo è con il fiato sospeso e diventa un azzardo fare previsioni sugli sbocchi finali. È alto il sospetto che i servizi segreti statunitensi e israeliani siano al massimo della loro operatività.

3. Note storiche. – Ex protettorato britannico, l’Egitto divenne una monarchia formalmente indipendente il 18 febbraio 1922. Il 18 giugno 1953 fu proclamata la Repubblica e nel 1954 il potere fu assunto dal col. Gamal Abd el.Nasser; questi, nel 1956, annunciò la nazionalizzazione della Compagnia del Canale di Suez, provocando l’intervento armato di Francia, regno Unito e Israele. Le truppe israeliane occuparono la Striscia di Gaza (già parte della Palestina e in amministrazione all’Egitto dal 1948-49) e la penisola del Sinai. La decisa azione dell’ONU, con l’accordo di USA e URSS, costrinse Israele a ritirarsi. Nel 1967 un nuovo conflitto con Israele si concluse con la sconfitta dell’Egitto e l’occupazione israeliana del Sinai e di Gaza. Nello sforzo di liberare il Sinai, nel 1973 l’Egitto riaprì le ostilità con la “guerra del Kippur”, ma senza risultato. Nel settembre 1978 il presidente egiziano Sadat e il primo ministro israeliano M. Begin firmarono gli accordi di pace di Camp David con i quali l’Egitto recuperò il Sinai ma non Gaza (passata successivamente all’Amministrazione palestinese). Dopo l’assassinio di Sadat (1981) da parte di un gruppo estremista islamico, divenne presidente Hosni Mubarak, in seguito sempre rieletto con una maggioranza plebiscitaria. || «In Egitto, le cose non vanno affatto meglio. E questo nonostante l’immagine di marca apparentemente bonaria ed il suo allineamento sulla politica occidentale in occasione del conflitto del Golfo. Il regime egiziano resta una dittatura politico-militare sostenuta e manipolata da un “iceberg” d’affaristi e di speculatori autoctoni legati alla finanza internazionale ed alla politica di Washington. L’uomo di paglia dell’Egitto, il Presidente Mubarak, è soprannominato “la vache qui rit” ... Per quest’ex generale d’aviazione non è affatto una disquisizione accademica dire che “vola” molto, molto basso! Il potere, in Egitto, è monopolizzato dal NPD, il Partito nazionale democratico, che ha ridotto il Parlamento al ruolo di semplice comparsa. Dieci anni dopo l’assassinio di Sadat nel 1981, le “leggi speciali” decretate all’epoca sono state prorogate sine die il 18 maggio 1991... Questa eccezionalità della legislazione permette al Rais egiziano di far arrestare i “pericolosi rivoluzionari” ed i “terroristi islamici”. In realtà, la maggior parte di questi prigionieri non sono che dei semplici cittadini, esasperati e scontenti del regime. L’amico americano, il Presidente George Bush, ha dato una boccata d’ossigeno al suo omologo egiziano, annullando i debiti militari del paese che erano calcolati in miliardi di dollari, per “servizio reso”, in concomitanza con la guerra del Golfo! Quest’intervento finanziario non è che un momentaneo palliativo all’inevitabile disastro economico che grava sul paese, ma permette a Mubarak di evitare la rivolta popolare che potrebbe prodursi in Egitto come nel 1977» (Mariantoni, 1991)

3. Economia. – Sono fondamentali per l’economia del paese i finanziamenti internazionali (da USA e Banca Mondiale) e le rimesse degli emigrati. L’agricoltura in Egitto è condizionata dall’irrigazione. I terreni coltivati sono limitati all’area del delta e alla valle del Nilo. Potendo ottenere anche tre raccolti l’anno, le colture sono distinte con nomi speciali secondo la stagione: scitui quelle invernali, che danno frumento, fagioli, orzo, fave, cipolle, lino; sefi quelle estive, che danno cotone, riso, mais, canna, arachidi, sesamo; nili quelle autunnali, che danno riso e mais. L’allevamento non basta a soddisfare la domanda interna. Si pratica la pesca delle spugne. Dal Mar Rosso si ricavano coralli e madreperla. Le principali rosrse del settore secondario sono costituite da idrocarburi: petrolio e gas naturale, distribuiti da un sistema di oleodotti. I partner commerciali principale dell’Egitto sono gli USA e l’Italia. La bilancia commerciale è largamente deficitaria.

Torna al Sommario.

4. Difesa. – Sono attivi due corpi paramilitari: le forze di sicurezza centrali con 232.000 uomini e la Guardia nazionale con 60.000 uomini. Il personale militare conta 468.500 unità nel 2007. Le spese militari sono pari al 2,75 del PIL nel 2006 e le forze armate sono distribuite per il 73% nell’esercito, per il 4% nella marina e per il 23% nell’aviazione.

5. Giustizia. – Il sistema giudiziario combina elementi della Common Law britannica , dei codici napoleonici e della legge coranica.

6. Popolazione. – Ingenti sono i flussi migratori, diretti soprattutto verso i paesi petroliferi arabi (Arabia Saudita, Libia e Iraq) e verso l’Europa. I copti rappresentano la comunità cristiana più numerosa del mondo arabo, ma sono cristiani sui generis e i media fanno molta confusione al riguardo. La crescita annua è stata del 2% nel quinquennio 2002-2007 e del 18,9‰ l’incremento naturale del 2007. L’arabo è la lingua ufficiale, ma si parla francese e inglese. I gruppi etnici sono costituiti per il 99,6% da egiziani, cioè la quasi totalità della popolazione, che è musulmana sunnita. Tribù di beduini si trovano nel deserto del Sinai. Esse denunciano il governo centrale di essere discriminati. Una larghissima parte della popolazione egiziana è sotto la soglia di povertà. Gli aiuti americani favoriscono ristrettissime minoranze ed accrescono il divario sociale. La pace di Camp David ha costretto il paese ad accettare le imposizioni del FMI che hanno aggravato le condizioni delle fasce più deboli della popolazione.

7. Il trattato di pace con Israele. – Andando al link del titolo si accede ad un «Foglio» della propaganda israeliana in Italia con un testo di un giornalista specializzato nella materia. Nella storia dell’Egitto moderno il trattato di “pace” con Israele, una pace comprata in denaro contante dagli USA, è un momento vergognoso che suscita un senso di pena fra i cultori di storia contemporanea. Non per nulla:
«…Fra Gerusalemme e il Cairo vige uno storico trattato di pace e i Fratelli musulmani vogliono recidere ogni accordo politico ed economico con lo stato ebraico» (Fonte). Una eventualità quest’ultima che il propagandista sionista teme come la morte. L’immagine della civiltà occidentale è tutta consegnata alle gambe delle ballerine, vero salto verso la “modernità” e l’emancipazione.
Sono innumerevoli i ricatti ed i condizionamenti che l’Egitto subisce ancora oggi come conseguenza di quella “pace”. Nel prossimo anno si dovrebbero svolgere le elezioni presidenziali, che ove non siano truccate potrebbero segnare il passaggio di poteri da Mubarak a ElBaradei, su cui si appuntano speranze di cambiamento in politica interna ed in politica estera. Gli auspici di Israele e dei suoi propagandisti vanno tutti nell’auspicio di una continuità della linea servile di Mubarak verso Israele. Se anche l’Egitto cambiasse atteggiamente come lo ha cambiato la Turchia, veramente sarebbero radicalmente cambiati gli scenari mediorientali. Naturalmente, le elezioni non sono quelli che materialmente in alcune giornate si svolgeranno l’anno prossimo, ma in un certo senso sono già iniziate a seconda delle posizioni che ogni forza politica va assumendo. Esiste anche un Occhio che dall’estero vigila su ciò che avviene e si dice nelle piazze egiziane. || In questi giorni di febbraio 2011 mentre in Egitto ferve la rivolta popolare leggo da una testata sionista come il vero problema di cui si deve preoccupare Sulemain è il Sinai, che Israele potrebbe nuovamente occupare. Il cosiddetto trattato di pace di Camp David prevedeva che il Sinai, pur tornato sotto la sovranità egiziana, dovesse essere smilitarizzato. A convenienza di chi? Non sono uno stratega, ma sembrerebbe a convenienza di Israele, a cui Suleiman si rivolge per avere il permesso di dislocare su territorio egiziano 800 uomini, da mobilitare contro patrioti egiziani e a tutto vantaggio di Israele.

8. In vista delle elezione del 2011. – I pochi dati che si ricavano dall’intervista sono impressionanti. Attualmente, il sistema è precusivo verso i candidati indipendenti. Per candidarsi occorre avere un proprio partito da almeno quattro anni e questo a sua volta deve essere approvato da un comitato che è controllato dal partito al potere. El Baradei possibile candidato spiega perché l’Egitto è una “bomba ad orologeria”:
«Se si continua a reprimere la gente con la legge di emergenza, col carcere, negando diritti fondamentali come quello di riunirsi, prima o poi ci sarà una rivolta. Nessuno è felice. Il 42% degli egiziani vive con un dollaro al giorno, il 30% non sa leggere e scrivere, la disoccupazione è dilagante, la corruzione ovunque… Per la maggioranza la priorità sono i bisogni primari, non c’è speranza per il futuro. E se hai i soldi, vivi isolato in zone residenziali ma non puoi comprare l’aria pulita o una burocrazia funzionante. Nessuno sente di poter controllare il proprio destino. Voglio far capire al regime che è meglio cambiare in modo pacifico».
Ma sono questi i paesi che Israele vuole come modello per tutto il Medioriente. Il commento dei sionisti di IC è esemplare del modo israeliano di vedere le cose. Con i dati che leggiamo appena sopra non è difficile comprendere come in politica estera l’Egitto sia praticamente in ginocchio davanti a USA e Israele. Una massa enorme di popolazione non può opporre nessuna resistenza di fronte a pochi migliaia di soldati armati di tutto punto con la più moderna tecnologia militare: è il rapporto fra Israele e l’Egitto. È anche evidente che una politica realistica deve tener conto del concreto rapporto di forze.

9. I confini con Israele e l’immigrazione clandestina. – È di questi giorni la notizia di un nuovo immenso muro lungo il confine fra Israele ed Egitto. La propaganda dice di temere l’immigrazione clandestina, ma il problema è alquanto drammatico ed investe la natura stessa dello stato di Israele, a carattere “etnocratico”. I clandestini che per disperazione tentano di entrare in Israele vengono accolti non a bastonate, ma a fucilate ed uccise ad opera di soldati egiziani, che poi ne consegnano i corpi ad Israele. È allucinante, ma è così e la questione dovrebbe essere approfondita, per demistificare tutta la retoriza sui “diritti umani” – nuova ideologia autoelogiativa dell’Occidente –, ma che in Israele è allegramente e goffamente contradetta da una propaganda come quella che si trova nel “corretto commento”, anonimo, di cui al link. Si apprezzi la chiara cartina, che ben evidenzia i confini fra Israele ed i suoi deboli vicini.

Torna al Sommario.

10. I timori dei sionisti nostrani come chiave di lettura degli eventi post tunisini. – Andando al link si accede ad un sito della propaganda sionista in Italia. Non sono qui nostro interesse le argomentazioni dei testi, chiaramente di parte, ma il timore che esse esprimono. Che genere di timore? È possibile un’interpretazione della storia del Medioriente dell’ultimo mezzo secolo come un fare e disfare i regimi, imponendo loro un solo requisito indispensabile: la soggezione al duetto Usa-Israele, con il secondo come comandante di fatto nell’area. In pratica, gli immigrati della Dichiarazioni Balfour, gli uomini del “focolare”, dopo aver sfiancato la potenza mandataria inglese, regalandone in ultimo il classico e meritato calcio dell’asino, adesso grazie ad nuovo più potente alleato – che stanno pure rovinando – impongono in pratica i loro capricci, la loro ideologia razzista, a tutto il Medio Oriente e ad un miliardo di musulmani, ogni giorno demonizzati e vituperati impunemente. Il linguaggio sarà poco diplomatico, ma credo sia questa la sostanza delle cose. Adesso, però qualcosa sembra succedere. Di Ben Ali si è saputo che era addirittura un agente della CIA ed al suo insediamento aveva contribuito anche Israele, mai estraneo ad ogni genere di colpo di stato che si consuma nell’area. La tecnica consolidata dai Servizi è quella di buttare a mare il loro uomo, ormai compromesso, per sostituirlo con un altro, ma sempre del sistema ed a loro obbediente. Il processo è ancora in corso e chi sta lontano dal luogo di svolgimenti dei fatti può solo attende, e sperare, a seconda di quelle che sono le sue idealità. Nel nostro caso, idee di libertà e di democrazia autentica, nell’interesse esclusivi di quei popoli oppressi nel nostro nome di cittadini, privi di potere, ma formalmente mandanti dei vari Frattini o Larussa. I timori che la propaganda sionista esprime, anche con gli esempi che abbiamo indicato, ci aiuta a capire quali erano e sono gli effettivi rapporti di forze ed il sistema del dominio e dell’oppressione degli uni sugli altri. Si impara a volte più dai timori altrui che non dalle loro chiacchiere analitiche.

11. Burattini e burattinai. – Andando al link si accede ad una analisi interessante che è abbastanza tipica e condivisa in questi giorni. Non ci vuole una grande intelligenza a capire i giochi in atto. Non sappiamo come finirà, ma considerando i rapporti di forza ed i condizionamenti nazionali e internazionali non dovrebbe essere difficile fare previsioni. Gli Stati Uniti sono usi fare e disfare i governi, purché si conservi il modello di regime e soprattutto l’obbedienza verso Washington e Tel Aviv. Negli ultimi venti anni il regime di Mubarak è servito ad assicura il vassallaggio. Ha però spremuto troppo il suo popolo ed ormai la gente è disperata e non ha nulla altro da perdere se non la vita, che è già persa, per fame e per totale mancanza di prospettive. Nela rete si trovano parecchi articoli interessanti che descrivono tutti lo stesso modello: i burattinai buttano a mare i burattini ormai usurati e cercano di procurarsene di nuovi. Non mancano certo i candidati. Il processo è comunque ancora in atto e resta da vedere se proprio tutto andrà come da copione.

12. Gli analisti della “pulizia etnica” del 1948. – Andando al link si accede ad un sito della propaganda sionista in Italia. La nostra attenzione non è rivolta all’analisi oggettiva di ciò che sta succedendo in Egitto. Bisogna ancora aspettare lo svolgersi dell’evento e la sua conclusione. Quello che già si può capire è la logica del rimpiazzo degli uomini, ormai bruciati, con la conservazione del sistema. Ci interessa invece il punto di vista soggettivo degli analisti del link, fra i quali si trova un personaggio abbastanza longevo per aver condiviso quella che Ilan Pappe ci ha fatto conoscere come “La pulizia etnica della Palestina”, nel 1948. Da queste persone quale “analisi” ci si può aspettare? Cosa dobbiamo e possiamo capire da loro? Gli altri sono i cosiddetti embedded. Quel che è certo è che nel giro di qualche anno a questa parte qualcosa si è scosso e che un processo è in atto. Ma quale sarà la sua conclusione non possiamo saperlo e non ha senso esercitarsi nell’arte della previsione. Ciò che conta è la posizione che ognuno di noi può assumere e come e quanto può determinare le cose, sia pure in minima misura. Sempre più manifesto e monocorde diventa in punto di vista della propaganda sionista in Italia. Qui, a caso, uno di questi articoli, con un giornalista specializzato, in una testata di riferimento. L’utilità nello scorrerli consiste solo nel capire gli umori di Israele, di cui in altra fonte si legge come avrebbe inviato in Egitto cecchini per sparare sui leader delle manifestazioni. Via via che la protesta avanza viene fuori sempre più scopertamente come Israele e gli Usa hanno avuto un ruole determinante, da committente, nelle peggiori nefandezze d’Egitto e di altri regimi. E ciò mentre su altri canali la stessa propaganda recita la litania dei diritti umani, della democrazia, della protezione della donna e simili, ma accompagnati ad una denigrazione costante e massiccia dell’Islam, senza tema di dover neppure rischiare le incriminazioni con cui si colpiscono gli oppositori di Israele. Ma è stucchevole tornare su questi temi, che tuttavia non è possibile ignorare. A definir “esilaranti” i commenti dei redattori anonimi, volti e tirar fuori Israele da ciò che succede in Medio oriente, ci si mantiene sul piano del galateo. Suonano alquanto ipocrite le preoccupazioni sioniste per l’incolumità dei cristiani, dei cattolici in particolare. Da anni e con cadenze sempre più incalzanti la propaganda israeliana cerca di spingere la Chiesa cattolica in uno scontro con l’Islam. Scoperto il gioco della propaganda sionista in questo commento illuminante: «Non è detto, tra l"altro, che i Fratelli Musulmani conquisteranno il potere in caso di elezioni vere, aperte e libere – che per essere davvero tali dovrebbero essere vietate ai partiti con programmi antidemocratici e sovversivi», qualità quest’ultima il cui sicuro accertamento è nella discrezionalità sovrana di Israele, che ha bollato come “antidemocratiche” le democraticissime elezioni che hanno dato il potere ad Hamas. Questo genere di propaganda sionista è semplicemente irritante e noi perdiamo probabilmente il nostro tempo ad attardarci sopra. Ma forse proprio questa ingerenza sionista negli stati del Medio Oriente è una delle cause profonde della insofferenza e della ribellione che sta agitando i popoli mediterranei.

13. Una cronaca egiziana di Robert Fisk. – L’illustre giornalista, autore delle “Cronache Mediorientali” e del “Martirio di una nazione”, si astiene dalle analisi e narra ciò che ha potuto vedere come testimone oculare dei fatti. Fa impressione il ruolo dei poliziotti in borghese, addirittura tossicodipendenti, che hanno fatto il lavoro più sporco. I poliziotti in divisa li hanno lasciati fare e di loro hanno lanciato lacrimogeni. I fatti narrati nella cronaca risalgono allo scorso venerdi scorso, se ho ben capito. Ed oggi, mentre scrivo, è lunedi. Non odo ancora una notizia decisiva, ma ho letto su Rainwes, una fonte abbastanza embedded, di come Israele si sia pronunciata a sostegno di Mubarak. Se vi sarà un nuovo governo, come valuterà questa posizione di Israele durante la rivolta?

Torna al Sommario.

14. «Ma quale rivoluzione d’Egitto?» - Un’analisi di Alberto B. Mariantoni. – Profondo conoscitore della politica nel Vicino e Medio Oriente, Mariantoni si pone in una posizione di attesa rispetto agli eventi che evolvono. È ancora presto per parlare di “rivoluzione”. Anzi, è forte il sospetto ed il timore che si tratti dell’ennesimo mutamento di facciata, lasciando intatta la sostanza delle cose. Tuttavia, possiamo osservare che è forse bene che accada qualcosa che faccia sperare piuttosto che restare nell’inazione. Certo, se ognuno di noi potesse fare qualcosa, concorrere alla determinazione degli eventi, sarebbe certamente meglio.

15. L’Egitto sull’orlo del bagno di sangue. – le analisi di Thierry Meyssan sono sempre particolarmente degne di attenzione. Dal suo articolo emerge un quadro convincente e soprattutto illustrano uno scenario abbastanza differenziato con soggetti che i nostri media mainstream ignorano completamente.

16. Il movimento del 6 aprile... 2008. – A dimostrazione del fatto che gli attuali avvenimento d’Egitto non sono stati influenzati dagli eventi tunisini, ma hanno una gestazione più antica, vale ricordare lo sciopero del 6 aprile 2008, allora represso e ora di nuovo resuscitato con uno sciopero generale di cui al link. Per non cadere in inganno è benere tenere a mente l’enorme popolazione del Cairo e rapportare ad essa il numero dei manifestanti nelle piazze e nelle strade.

17. Le squadre israeliane della morte. – Avevo già letto la notizia di cecchini israeliani con la funzione di uccidere i leaders delle manifestazioni di protesta. Che Israele non abbia nessun interesse a veder cadere Mubarak è chiaro come la luce del sole. Che farà di tutto per mantenerlo al potere o far passare al massimo un cambiamento di facciata è altrettanto chiaro. È pure chiaro che possiamo solo intuire le cose che non verremo mai a sapere. Tuttavia, qualcosa sta succedendo e gli edifici costruiti dalla propaganda israeliana stanno scricchiolando. Una pessima figura sta facendo tutta la diplomazia occidentale: contro di essa dovremme ribellarci con non minore vigore di quanto non stiano facendo tunisini ed egiziani. Abbiamo un comune nemico: Israele.

18. Il problema del Sinai. – Andando al link del titolo si accede ad una testata di propaganda e analisi sionista. In questi giorni in cui l’attenzione è rivolta all’Egitto può essere ingannevole basarsi troppo su ciò che dicono gli analisti. In realtà, le cosiddette analisi non sono per nulla neutre. Ognuna di esse lascia facilmente trasparire la posizione e l’opzione politica dell’interprete, del cosiddetto analista. I più agitati sono gli analisti di osservanza sionista. Per loro un regime asservito come quello di Mubarak andava più che bene ed ogni mutamento non potrà che essere in peggio. Lo si capisce dal problema del Sinai che gli accordi di pace, o meglio di sottomissione, volevano smilitarizzato. Su quegli accordi andrebbe fatta in altra sede una opportuna disamina. Qui ci si limita alle pur utile notizie che si attingono da un contesto decisamente inaffidabile e del tutto estraneo ai nostri orientamenti geopolitici.

19. I Fratelli Musulmani e l’isteria che suscitano. – Come Hamas e Hezbollah, anche i Fratelli Musulmani, di origine più antica, sono le uniche forze autonome e popolari in un concerto di stati vassalli e fantoccio. Da qui il timore del governo israeliano e della propaganda sionista, che circondato da stati arabi davvero indipendenti e sovrani si troverebbe nuovamente in uno stato di guerra. Come è noto, Bush aveva voluto che a Gaza vi fossero elezioni davvero libere e democratiche. Così è stato, ma non ne è venuto fuori una rappresentanza asservita. Le elezioni libere e democratiche sono temute come la morte da Israele. Gli analisti sionisti sono pressoché certi che in Egitto una libera competizione elettorale darebbe la maggioranza dei suffragi ai Fratelli Musulmani. Ecco dunque che si affaccia una concezione della democrazia che è tale solo se depurata dalle componenti politiche non gradite. Naturalmente, questa è una parodia della democrazia che lascia bene intendere cosa sia il sionismo e cosa da esso ci si possa aspettare, a chi serve e quale sia sempre stato il suo scopo: la negazione del mondo arabo ovvero una sua integrale corruzione e soggezione. In fondo, gli eventi di questi giorni di febbraio 2011 fanno riapparire il redde rationem della situazione geopolitica mediorientale: il senso della costruzione dello stato sionista di Israele.

20. Il sionista smentito dai fatti. – Ho già detto e ripeto che in un processo in atto, dove è possibile di tutto e il contrario di tutto, occorre andar cauti nell’interpretazione degli eventi. È saggio astenersi da giudizi ed entusiasmi. È invece molto utile e rivelatrice l’analisi delle analisi che ci vengono fornite dagli “esperti” e dai loro media, i cosiddetti analisti. Le loro prime reazioni ci consentono di capire meglio che in altre occasioni non gli eventi, per i quali vale ciò che abbiamo appena detto, ma gli stessi analisti ed il mondo che rappresentano e che vorrebbero spacciare come fosse il nostro, catturando in questo modo il nostro consenso ed influenzando la nostra opinione e conseguente posizione. Dall’analista, abituale e qualificata fonte di informazione della testata sionista in questione, non viene dato come possibile il mutamento del quadro “normale” che vede imprescindibile la presenza di Mubarak, l’uomo che per trent’anni ha rappresentato il servaggio dell’Egitto: una “normalità” che è l’ordinario riferimento di come le cose dovrebbero essere per l’entità sionista. Le agenzie di questi minuti non solo danno conferma delle dimissioni di Mubarak, ma anche dello scioglimento del parlamento e dell‘assunzione del potere da parte del presidente della corte costituzionale affiancato dal consiglio supremo della difesa, cioè dai militari. Formalmente, il passaggio sembra perfetto. Sarebbe stata una beffa l’idea di un processo di transizione affidato allo stesso Mubarak, almeno secondo la prima evidenza. Dalle sceneggiate occulte non saremo mai al riparo. Quel che pare certo è che dietro lo squilibrio geopolitico del Vicino Oriente è sempre presente Israele, la cui natura e funzione è davvero estranea a tutta l’area. Una presenza, quella sionista, garantita ieri dall’Impero britannico e oggi da quello americano, sempre a danno degli autoctoni. Se anche l’Impero americano dovesse tramontare, restano in Israele 300 testate atomiche che sono la vera minaccia non solo per il Vicino Oriente, ma per il mondo intero. Se i politici europei e non solo quelli americani non fossero sotto il tallone della Lobby, dovrebbero chiedere lo smantellamento degli arsenali nucleari non dell’Iran, che non possiede nulla, ma di Israele, che possiede tutto e su cui si tace ignobilmente. Andrebbe poi finalmente ripristinato il diritto internazionale, ritornando a principi di equità naturale più che non ad astruse normative che la ragione stenta a comprendere ed i cui contenuti sono ignoti ai più. Esilarante come sempre ciò che scrive la signora Fiammetta. Meglio astenersi da ogni commento e limitarsi ad un rapido colpo d’occhio alle sue frasi in libertà. Da notare l’astio sionista per le titolazioni che prendono atto – perfino su “La Repubblica” – della realtà dei fatti e di cose che si sanno a “Rocca Cannuccia”, ma non si ammettono in qualche libreria di Torino o in qualche anfratto di Tel Aviv. Il nervosismo degli agenti della propaganda sionista si focalizza sul passaggio delle navi iraniane nel canale di Suez, che il governo egiziano provvisorio ha autorizzato sulla base di un trattato del 1888, il cui rispetto è stato addirittura imposto da Israele con i trattati di Camp David: l’Iran non è in stato di guerra con nessuno e dunque ha pieno diritto al passaggio. Si direbbe che i sionisti siano rimasti scornati ed è forse questo un segno dei tempi nuovi, che possono essere interpretati come un generale sommovimento delle masse cui non si può imporre una politica di forza e brutalità.

21. Il punto di vista di Ilan Pappe. – È semplice e lineare: Israele ha sempre puntato su una ben determinata immagine del mondo arabo e musulmano, in gran parte se non del tutto falsa. È ancora di grande utilità il libro di Edward Said sull’«Orientalismo», dove si fa ben vedere quella che per secondo è stata l’immagine che abbiamo dell’Oriente, grazie ai nostri scrittore e viaggiatori: un’immagine profondamente intrisa di razzismo. Israele vuole ancora oggi insistere in una visione “orientalista” cui costringere l’Occidente, giacché “Israele siamo noi”, un “noi” che si dovrebbe opporre a tutto il mondo arabo musulmano per la bella faccia di una Fiammetta. Con Pappe si vede bene quale formidabile colpo assista a tutta la strategia mediatica di Israele la serie di eventi che pervadono il mondo arabo. Non sapppiamo come andrà a finire, speriamo bene, ma in ogni caso sono già caduti molti di quei pregiudizi che erano stati indotti in noi artificialmente da una propaganda tanto tenace quanto ricca di mezzi e di capacità di pressione e corruzione. Giustamente Pappe osserva come la questione del trattato di pace dell’Egitto con Israele sia del tutto marginale nel quadro complessivo degli eventi. Quel trattato di pace fu iniquo ed ottenuto con la corruzione. La sua natura appare chiara con la caduta stessa di Mubarak, la cui esistenza politica era in funzione di quel trattato e di quel servaggio. || Pare opportuno collocare qui una perla che abbiamo trovato in un più generale contesto di analisi sionista sulla situazione attuale. In questo caso, particolarmente, in Egitto. In brano che segue è di un “collega” di Ilan Pappe, ossia di Benny Morris, il cui sionismo è ormai dichiarato e ben noto. È certamente una persona istruita e intelligente. Mi conforta vedere come anche lui ammette ciò che a noi era subito parso evidente, cioè che la dichiarazione sul mantenimento degli impegni internazionali da parte dell’Egitto fosse generica e non menzionasse lo specifico rapporto con Israele. Ma ciò che dall’articolo di Morris apparso oggi 24 febbraio sul “Foglio”, organo sionista più di ogni altro, trovo più rimarchevole è il seguente brano:
«...Ma, cosa ancora più importante, il governo egiziano – non ottemperando agli impegni del trattato – ha permesso ai media di demonizzare senza alcun freno lo stato ebraico, mentre qualsiasi critica interna nei suoi stessi confronti era severamente repressa...».
La dice lunga sulla libertò dei media. Abbiamo sempre detto che i nostri media sono essi stessi una parte della guerra in atto, che è anche e soprattutto una guerra ideologica, con cui si ottiene l’acquiescenza della cosiddetta opinione pubblica, delle masse, mentre altri compiono lo sterminio materiale: “Piombo Fuso”, per intenderci. Dunque, fra gli impegni del Trattato cosiddetto di pace vi era la repressione della cosiddetta libertà di stampa, la quale avrebbe dovuto suonare la musica che era stata decisa a Camp David, o meglio che era stata comprata e venduta a Camp David. Se questo è vero per l’Egitto, possiamo ritenere che sia diversa la natura e la funzione dei nostri media? Certo che no! E certo che così ben si spiegano recenti tentativi di imbrigliamento perfino della rete, che ancora sfugge a questo controllo capillare, e perfino dell’insegnamento di ogni ordine e grado. L’ipocrisia, che conosciamo tutti dalle pagine del Vangelo, ha trovato una recente conferma, ben reclamizzata, secondo cui la legislazione che dovrebbe venire, consentirebbe di esprimere dentro le parete domestiche un pensiero che verrebbe invece represso se espresso pubblicamente. Esattamente il contrario di ciò che da anni reclama la chiesa: il riconoscimento dello spazio pubblico per esprimere la fede che già si professa nello spazio privato e che nessuno in tale ambito contesta. Qui invece ci sarebbe non un riconoscimento di liceità di ciò che si potrebbe pensare nello spazio privato, ma una sua mera poco elogiativa “tolleranza”, ed una dura repressione di ciò che dalle pareti domestiche trapelasse nelle piazze. Se questa non è ipocrisia, fariseismo all’ennesimo potenza, non saprei come altro definirlo. Trovo di una incredibile attualità le pagine del Vangelo – che non leggo da parecchi anni – sui sepolcri imbiancati.

22. I limiti della spontaneità ed il golpe militare. - L’articolo è una interessante analisi di una situazione ancora in atto. Per un verso si sottolinea come la mancanza di una dirigenza della rivolta abbia favorito la formazione dell’attuale governo di militari: in pratica un colpo di stato che finira per affossare la rivolta. L’altra parte dell’articolo analizza i limiti del Mossad e della Cia che sono stati al di sotto della loro sinistra fama. La conclusione è che una larga sollevazione democratica, che abbraccia la totalità o quasi di un popolo, è una sorta di tsunami inarrestabile.

Parte Seconda.
Eventi e dinamica politica.


i.“Sinai, attacco troppo vicino a Gaza”. - È un'analisi del recente massacro nel Sinai. Estratti dal testo che si trova in “Bocche Scucite”: «».

ii. La vera guerra del Kippur: in contrario di ciò che ci hanno fatto credere. – Sono rivelazioni che vengono dal diario di Vinograf, anticipate in un articolo di Israel Shamir.

iii. “Putin va a Cairo, mentre Trump si lega le mani”. –
iv. “La dichiarazione di vittoria di Putin in Siria apre la via agli attacchi russi in Libia" (Au, 12.12.17).
Top.

Stati del mondo: 72. Giordania

B.S. 71: Gibuti ↔ 73: Grecia
Stati del mondo.
• Confini: a N con la Siria, a NE con l’Iraq, a SE e a S con l’Arabia Saudita, a W con Israele e la Cisgiordania, occupata da Israele nel 1967 e formalmente amministrata dall’Autorità palestinese; a SW si affaccia al golfo d’Aqaba (Mar Rosso).
• La Giordania ha una superficie di 88.778 kmq (esclusa la Cisgiordania) e una popolazione di 5.103.639 abitanti censiti nel 2004 e di 5.906.000 stimati nel 2008 con una densità di 67 ab./kmq. La capitale Amman conta 1.064.000 abitanti nel 2007, con l’agglomerato urbano si arriva a 1.864.809 ab. nel 2003.
• Il paese si estende sul vasto tavolato quasi desertico a W dalla valle del fiume Giordano o El Ghor, dal Mar Morto e dalla valle dell’Uadi Araba. Il clima è caratterizzato da estati calde e asciutte e da inverni miti.

B.S.T. Google map.
Giordania.
• La Giordania è membro di EBRD, Lega Araba, OCI, ONU, OPEC, WTO.
• Monarchia costituzionale. Già mandato britannico dopo la Prima guerra mondiale, il paese ha ottenuto l’indipendenza il 22-III-1946 con il nome di Transgiordania, assumendo quello di Giordania nel 1949, dopo l’annessione della Cisgiordania (occupata da Israele nel 1967). n base alla Costituzione del 1°-I-1952, il sovrano nomina il Primo Ministro, ma il governo deve avere la fiducia dell’Assemblea nazionale, composta da una Camera dei Rappresentanti e da un Senato.
• Etnie: così ripartite nel 2000 arabi (97,8%), Circassi (1,2%),  altri (1%). Circa la metà della popolazione è composta da rifugiati in seguito alle guerre arabo-israeliane (1948-49, 1967) e loro discendenti. Sono presenti oltre 650 000 profughi, perlopiù siriani in fuga dalla guerra civile (dal 2011).
• Lingue: arabo (ufficiale).
• Religioni: nel 2010 musulmani sunniti (97,2%), cristiani (2,2%), altri (0,6%).

Treccani.
• Links ufficiali, istituzionali, utili:
– Department of Statistics: www.dos.gov.jo


B.T. - Vers. 1.1 / 19.11.2017
Viaggiatori.net  Wikipedia.it/img
Sommario: Parte Prima: Strutture.  1. Attualità geopolitica. - 2. I principali parametri. - 3. Note storiche. -  4. Popolazione. - 5. Ordinamento dello Stato e forme di governo. - 6. Partiti e movimenti politici. - 7. Religione. -  8. Divisione amministrativa. – 9. Diritto. – 10. Costituzione vigente. - 11. Giustizia. – 12. Sanità. -  13. Difesa. - 14. Economia. - 15. Agricoltura. Flora. Fauna. - 16. Allevamento e pesca. -  17. Industria. - 18. Risorse minerarie. - 19. Commercio. - 20. Turismo. - 21. Strade e comunicazioni. - 22. Lingua. - 23. Letteratura. - 24. Arte. - 25. Filosofia. - 26. Istruzione. - 27. Geografia. - 28. Cartografia. - 29. Video You Tube. - 30. Guerre e conflitti. – Parte Seconda: Eventi e dinamica politica.  i.  – - Parte Terza: Letteratura. a.  ///

– Sommario: 1. Parametri principali. – 2. Note storiche. – 3. Economia. – 4. Difesa. – 5. Giustizia. –

B.S.T.G. -
Wikipedia: en/img - de/img -
1. Attualità geopolitica. – «Roma (NEV), 17 novembre 2017 – Da oggi fino al 23 novembre si riunisce ad Amman, in Giordania, il Comitato esecutivo del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC). Il Comitato, che ha funzioni deliberative ed è composto da 24 persone, si confronterà con i progetti strategici e il bilancio per l’anno 2018.

Sul tavolo di discussione, fra l’altro, la questione israelo-palestinese, le nuove sfide ecumeniche, i programmi Ecumenical Hiv and Aids Initiative and Advocacy (EHAIA) e i preparativi per il 70° anniversario dalla fondazione del CEC che ricorrerà nel 2018.

Il CEC è l’organismo più ampio e inclusivo fra le diverse organizzazioni del movimento ecumenico moderno e rappresenta ben 345 denominazioni di 110 paesi al mondo, per un totale di circa 500 milioni di cristiani ortodossi, anglicani, battisti, luterani, metodisti, riformati e altri.» (Nev.it/news)

2. Parametri principali. – La Giordania è una monarchia costituzionale. In base alla Costituzione del 1° gennaio 1952 il sovrano nomina il primo ministro, ma il governo deve avere la fiducia dell’Assemblea nazionale. Questa è composta dalla Camera dei rappresentanti che consta di 110 membri eletti con mandato di 4 anni, dove 6 seggi sono riservati a donne, e dal Senato che consta di 55 membri nominati dal re.

2. Note storiche. – Già mandato britannico dopo la Prima guerra mondiale, il paese ha ottenuto l’indipendenza il 22 marzo 1946 (col nome di Transgiordania) e ha ottenuto il nome di Giordania nel 1949, dopo l”annessione della Cisgiordania (occupata da Israele nel 1967). Nel 1994 re Hussein e l’allora premier israeliano Y. Rabin hanno firmato un trattato per la demarcazione dei confini e la spartizione delle risorse idriche dello Yarmuk e del Giordano. Per favorire la formazione di un’autorità politica palestinese. la Giordania ha tagliato già dal 1988 tutti i legami amministrativi con la Cisgiordania. In realtà, occorre salire più indietro nel tempo, quando le classi dirigenti giordane parteciparono alla spartizione del bottino sulla pelle del popolo palestinese. Sarebbe stato allora facile un’opposizione all’invasione sionista se vi fosse stata unità politica da parte araba, ma gli interessi personali degli aspiranti al potere ebbero il sopravvento. Nel 2005-06 il paese ha partecipato, con un contingente militare, alla missione di pace dell’ONU ad Haiti.

3. Economia. – Si producono soprattutto cereali, pomodori, agrumi, patate. Nelle zone collinari si coltiva la vite, che dà uve pregiate, nel nord l’olivo. Si coltiva anche il tabacco. L’allevamento è praticato tradizionalmente dalle tribù beduine. Il paese possiede grandi giacimenti di fosfati e di sali potassici. La produzione di petrolio è insufficiente a soddisfare il fabbisogno energetico. Sono stati rinvenuti giacimenti di rame. Le principali industrie sono quelle alimentari, chimiche, del cemento, del tabacco. Un problema di sempre maggiore rilevanza è la difficoltà dell’approvvigionamento idrico. L’attività turistica è una rilevante fonte di introiti.

Torna al Sommario.

4. Difesa. – Le forze armate hanno 100.500 addetti nel 2007, distribuiti per l’84,5% nell’esercito, lo 0,5% nella marina e il 15% nell’aviazione. La quota del PIL riservata alla difesa è del 6,2%.

5. Giustizia. – Il sistema giudiziario si basa sulla legge coranica, con influenze del diritto europeo continentale.

Parte Seconda.
Eventi e dinamica politica.

i. “Il mondo impazzisce, mentre la Siria si prepara all’invasione sionista”. –

Torna al Sommario.
Top.