febbraio 27, 2011

Stati del mondo: 131. Oman

16: Barbados ↔ 18: Belize
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z

• Confini: a SW con lo Yemen, a W con l’Arabia Saudita, a NW con gli Emirati Arabi Uniti; si affaccia a NE al Golfo di Oman, a E al Mare Arabico e a S all’Oceano Indiano.
• Il territorio ha una superficie di kmq 309.500 e una popolazione di 2.340.815 abitanti censiti nel 2003 e di 2.845.400 stimati nel 2009 con una densità di 9 ab./kmq. La capitale Mascate = Masqat conta 30.251 abitanti nel 2008 che erano 785.515 con l’agglomerato urbano nel 2007.
• Fanno parte dell’Oman le isole Kuria Muria (78 kmq), dal 1967, e le due exclave di Madha, circondata dal territorio degli Emirati Arabi Uniti, e della penisola di Musandam.
• Membro di: CCG, Lega Araba, OCI, ONU e WTO.
- Ministry of National Economy.
- Utenti internet: 436,6 ogni 1000 abitanti nel 2009. DSL: 14,4 ogni 1000 nel 2009.

Vers. 1.0/17.2.11
126: Norvegia ↔ 129: Paesi Bassi
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z
Sommario: 1. Parametri principali. – 2. Note storiche. – 3. Economia. – 4. Popolazione. – 5. Giustizia. – 6. Difesa. –

1. Parametri principali. – È una monarchia assoluta. Il sovrano detiene tutti i poteri avvalendosi di un Consiglio consultivo di 84 membri scelti tra i candidati proposti da assemblee locali a suffragio limitato e da un Consiglio di Stato composto da 71 membri di nomina reale. Non sono ammessi i partiti politici.

2. Note storiche. – Protettorato britannico dal 1891 retto dal XVIII secolo dalla dinastia Al-Busaid, tuttora regnante, è indipendente dal 1971.

3. Economia. – Sono fondamentali le risorse petrolifere e il gas naturale. Altri prodotti minerari sono la cromite, il rame, l’oro e l’argento. Rilevante la pesca.

4. Popolazione. – Gruppi etnici sono Arabi per il 74,4%, indiani per il 13%, pakistani per il 7,4%, agiziani per l’1,6%, altri 3,6%. La lingua ufficiale è l’arabo. Si parla inglese. I musulmani (ibadhi) sono il 73,6%, musulmani sunniti il 14,1%, gli induisti 7,4%, i cristiani 3,7%, altri 1,2%.

5. Giustizia. – Da regime monarchico assoluto.

6. Difesa. – Dati non disponibili.

Torna al Sommario.

7. Breve storia del Gulf Cooperation Council (GCC). – Ne fa parte anche l’Oman, che insieme agli altri  cinque paesi chiese alla NATO di imporre un no fly zone sulla Libia, altro produttore di petrolio. Si tratta di un sistema di accaparramento del petrolio mediorientale da parte dei Rockfeller e Rotschild che temono nazionalizzazioni come quelle in Iran e in Libia. La scambio è petrolio con il potere concesso ai signori del Golfo sulla pelle dei loro cittadini. Le democrazie occidentali non hanno scrupoli di sorta, quando si tratta non già degli interessi e del benessere dei loro cittadini, ma semplicemente di consorterie familiare di potere come quelle menzionate dei Rockfeller e dei Rotschild. L’articolo di cui al link descrive più minutamente queste relazioni. «Quello che è successo in Libia è un’operazione segreta classica, evocata dall’intelligence occidentale e finanziata dal GCC, che tenta di arraffare i giacimenti petroliferi appartenenti al popolo della Libia e di consegnarli ai trilionari Rotschild/Rockfeller» (ivi).

Nessun commento: