aprile 03, 2010

Stati del mondo: 188. Uzbekistan

16: Barbados ↔ 18: Belize
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z

• a N e a NW con il Kazakistan, a E con il Kirghizistan e il Tagikistan, a SE con l’Afghanistan e a S con il Turkmenistan.
• Il territorio ha una superficie di 447.400 kmq e una popolazione di 19.810.077 abitanti censiti nel 1989 e di 27.313.700 stimati nel 2008 con una densità di 16 ab./kmq. La capitale Taskent conta 2.184.000 abitanti nel 2007.
• Il territorio è in parte desertico al centro (Kyzlylkum) e interessato a E dalle propaggini occidentali del Tian Shan. Nella parte nord-occidentale si trova il Lago d’Aral in fase di avanzato prosciugamento. Il clima è di tipo continentale con inverni freddi ed estati caldi e lunghe.
- State Committee of Statistics.

Vers. 1.1/1.11.12
Precedente/Successivo
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z

1. Parametri principali. – «Già Repubblica federata nell’ambito dell’URSS, l’Uzbekistan è indipendente dal 31 agosto 1991. Secondo la costituzione del 1992, modificata nel 2002, il Presidente della Repubblica, che ha ampi poteri di governo, è eletto a suffragio diretto per 7 anni; il Parlamento è bicamerale (Camera dei deputati di 120 membri eletti per 5 anni, Senato di 10 membri).

2. Note storiche. – «Il regime guidato da Islam Karimov, al potere dal 1990, mantiene uno stretto controllo sulle attività dei gruppi di opposizione e ha ridotto la cooperazione, anche militare, con gli USA, avviatasi dopo il 2001».

3. Economia. – Dal 2004 al 2008 la crescita media annua del PIL è stata superiore del 7%, sostenuta soprattutto dagli alti prezzi del petrolio. La coltura dominante è quella del cotone; la sua enorme espansione, grazie alla captazione del fiume Amudar’ja, è fra le cause del dissesto idrologico del Lago d’Aral. Altri prodotti sono il frumento, il riso e la frutta. Grande importanza ha l’allevamento ovino per la varietà pregiata karakul. Il sottosuole è ricco di gas naturale, petrolio, lignite, uranio e altri metalli (rame, oro, argento, piombo, zinco, bauxite, tungsteno, fluorite, molibdeno). Il paese esporta cotone e prodotti tessili, minerali, metalli e prodotti chimici. Oltre alla Russia, i principali partner commerciali sono le altre repubbliche ex sovietiche e l’Unione Europea.

Torna al Sommario.

7. Il controllo dell’Uzbekistan nella strategia della “Grande Scacchiera”. – L’articolo svolge considerazioni interessanti ed offre dati attuali sulla situazione geopolitica dell’Uzbekistan. «…la chiave del potere globale è il controllo dell’Eurasia e che la “chiave per controllare l’Eurasia è il controllo delle repubbliche dell’Asia centrale“ ». «Nell’ottobre 2001, l’Uzbekistan, insieme ai vicini Kirghizistan e Tagikistan, fu costretto ad accettare nuove basi militari statunitensi. Nel 2005 il presidente del Kirghizistan, il nazionalista Askar Akaev fu deposto dagli islamisti nella rivoluzione dei tulipani.»«Secondo i rapporti del Mossad, dal 1° luglio 2001, 120.000 tonnellate di oppio erano state immagazzinate in Afghanistan in attesa di essere spedite. Due mesi dopo gli Stati Uniti bombardavano l’Afghanistan. Le spedizioni di oppio ripresero. Gli Stati Uniti pagarono diversi signori della guerra afghani 200.000 dollari ciascuno e gli diedero telefoni satellitari per guidare un surrogato di esercito dell’Alleanza del Nord nell’attacco terrestre contro i taliban. Più di 7 milioni di dollari vennero spesi per comprare questi narcotrafficanti signori della guerra, tra cui il macellaio uzbeko Rashid Dostum.»


Nessun commento: