aprile 18, 2010

Stati del mondo: 50. Danimarca

49: Cuba ↔ 51: Dominica
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z

• Confini: Protesa verso la Scandinavia, da cui è separata dal Kattegat, è fromata dalla penisola dello Jylland, dall’isola di Sjaelland, dove sorge la capitale, e da circa 400 isole minori. È bagnata a N e W dal Mare del Nord e a E dal Mar Baltico; a S confina con la Germania.
• Il territorio ha una superficie di 43.098 kmq e una popolazione di 5.368.354 abitanti censiti nel 2002 e di 5.511.451 stimati nel 2009 con una densità di 128 ab./kmq. La capitale Copenhaghen conta 520.574 abitanti nel 2009. L’agglomerato urbano fa 1.622.285 ab. bel 2009.
• Il territorio ha oaesaggi pianeggianti, coste frastagliate a W, basse e sabbiose a E. Il clima è essenzialmente oceanico, soggetto agli influssi delle masse d’aria occidentali di origine atlantica.
• Membro di: Consiglio d’Europa, Consiglio Nordico, EBRD, NATO, OCDE, ONU, OSCE, UE, WTO.
- Danmarks Statistics.

Vers. 1.0/15.4.10
Precedente/Successivo
a b c d e f g h i k l m n o p r s t u v y z
Sommario: 1. Parametri principali. – 2. Note storiche. – 3. Economia. – 4. Difesa. – 5. Giustizia. – 6. Popolazione. –

1. Parametri principali. – La Danimarca è una monarchia costituzionale. Secondo la costituzione del 1953, il sovrano esercita formalmente i poteri legislativo ed esecutivo attraverso rispettivamente il Parlamento unicamerale (Folketing, formato da 175 membri eletti per 4 anni a suffragio universale, più 2 delle Faer Oer e 2 della Groenlandia) e il Consiglio dei ministri (che deve avere la fiducia del Parlamento).

2. Note storiche. – Nel regno di Danimarca si sono succeduti dagli anni 1950 in poi governi socialdemocratici e conservatori. Dopo un periodo di crescita sostenuta, dal 2007 l’economia del paese ha attraversato una fase di rallentamento, cui si sono poi sommati gli effetti della crisi finanziaria globale.

3. Economia. – Buona parte dell’arativo è destinata a cereali, in primo luogo orzo frumento; importante è anche la produzione di barbabietole da zicchero e ortaggi. L’allevamento, altamente specializzato, assicura il 70% del valore dell’intera produzione del settore primario ed i suoi prodotti (latte e derivati, prosciutti e lardo) rappresenta una quota rilevante delle esportazioni. Diffuso l’allevamento di visoni. La pesca è praticata da una flotta di 2700 imbarcazioni. Le principali risorse minerarie son il petrolio e il gas naturale del Mare del Nord. Pur essendo molto consistente, la produzione di energia elettrica non assicura l’autosufficienza e viene integrata con importazioni dalla Svezia. Le centrali eoliche coprono circa il 20% del fabbisogno energetico nazionale. La bilancia commerciale è attiva. Gran parte degli scambi si svolge con Germania e Svezia.

4. Difesa. – Dal 2003 il paese è presente in Iraq con un contingente di 500 effettivi. || Alle tre forze armate si aggiunge una Guardia nazionale di volontari. Il servizio militare dura 9-12 mesi. Dal 2003 al 2007 il paese ha mantenuto un contingente in Iraq.

5. Giustizia. – Il sistema giudiziario si basa sul diritto continentale. Non è in vigore la pena di morte.

6. Popolazione. – La Danimarca ha avuto una crescita annua dello 0,3 % durante il quinquennio 2002-2007 ed un incremento dell’1,5 ‰ nel 2007. I gruppi etnici presenti sono: Danesi (94,6%), Turchi (0,5%), Iracheni (0,3%), Norvegesi (0,3%), Tedeschi (0,3%), Norvegesi (0,3%), Bosniaci (0,2%), Svedesi (0,2%), Somali (0,2%). Si parla la lingua danese. La religione è formata per l’84,3% da protestanti, il 3,7% da musulmani, da non religiosi/atei per il 6,9%, altri per il 5,1%.

Torna al Sommario.

Nessun commento: